Il portale dedicato agli amanti della Sicilia!

Ultime guide

info@viaggioinsicilia.it
Image Alt

Messina

La città dello stretto
  /  Messina

Benvenuti a Messina

Messina è una città portuale nella Sicilia nord-orientale, separata dall’Italia continentale dallo Stretto di Messina. È nota per il Duomo di Messina, di epoca normanna, caratterizzato da portale gotico, finestre del XV secolo e orologio astronomico sul campanile. Nelle vicinanze si trovano fontane in marmo decorate con figure mitologiche, come la Fontana di Orione, con le sue iscrizioni scolpite, e la Fontana del Nettuno, sormontata da una statua del dio del mare.

Vista aerea sul Porto di Messina

Situata nell’angolo nord est della Sicilia, sulla sponda occidentale dello Stretto di Messina (Mar Ionio)

Tra Catania e Palermo, stretta tra le coste ionica e tirrenica ed i monti Peloritani, si affaccia con il suo grande porto naturale (militare e commerciale), chiuso dalla penisoletta a forma di falce di San Raineri, di fronte a Villa San Giovanni e poco più a Nord rispetto a Reggio Calabria.

In queste acque è localizzato il mito di Scilla e Cariddi, i cui gorghi sono paragonati alla pena delle anime dell’inferno che girano in tondo e si urtano in eterno (“qui la gente riddi”).

«Come fa l’onda là sovra Cariddi, / che si frange con quella in cui s’intoppa, / così convien che qui la gente riddi.»
Dante Alighieri, Divina commedia, VII canto dell’Inferno

A est, è possibile vedere l’intera città di Messina sottostante, mentre al di là del mare la Calabria dal suo punto più meridionale sino alla provincia di Vibo Valentia. A sud, l’imponente vista dell’Etna.

L’estrema vicinanza dei monti conferisce alla parte occidentale della città una certa pendenza, superata con scalinate e attraversata dalla panoramica circonvallazione a monte.

Da non perdere

Le isole Eolie

Della provincia di Messina fanno parte le isole Eolie (anche chiamate le Lipari). Sono delle isole meravigliose che sopratutto nella stagione estiva si popolano di turisti e visitatori. Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Panarea, Filicudi e Alicudi. Sono raggiungibili da diversi porti, il più comodo è sicuramente quello di Milazzo.

Santuario di Tindari

Sulla costa nord, andando in direzione Palermo troverete Tindari, famosissima per il suo santuario e per il belvedere sui laghetti di Oliveri. Il santuario dedicato alla Madonna Nera è l’attrattiva principale di Tindari. A suo interno la scultura in legno di cedro che rappresenta la Vergine con bambino, sarebbe giunta a Tindari nel tentativo dei fedeli di sottrarla alla furia iconoclasta dell’VIII secolo. Secondo la leggenda fu abbandonata dai marinai di una nave approdata sotto il promontorio di Tindari per poter ripartire senza contrastare la volontà divina che avrebbe impedito al natante di salpare di nuovo. La Madonna è venerata attualmente in una festa che si tiene il 7 settembre.

Taormina

Non ha certo bisogno di presentazioni! La trovate a pochi chiilometri di autostrada andando in direzione Catania. Taormina è un piccolo paesino arroccato sulla collina molto famoso per il suo belvedere sulla costa orientale Siciliana ed il suo meraviglioso teatro greco. Scopri di più su Taormina visitando la sua pagina dedicata!

L’isola bella a Taormina

Immagini di Messina

I consigli di 2 Messinesi

I consigli sulla provincia di Messina ci sono stati dati da Omar e Valeria, due professionisti che portano Messina nel cuore!. Fatene buon uso!

Campanile del Duomo

Impossibile non andare a vedere lo spettacolo del campanile del duomo a mezzogiorno.
Il campanile contiene al suo interno l’orologio meccanico e astronomico più grande e complesso al mondo progettato dalla ditta Ungerer di Strasburgo fu inaugurato nel 1933 ed è ancora oggi l’attrattiva principale della città. Alle ore 12.00 un sistema di leve e contrappesi fa muovere delle statue in bronzo, che si trovano sulla facciata e che sono legate alle tradizioni civili e religiose della città. Il meccanismo si muove ogni giorno alle 12.00 e dura 12 minuti.

Un bagno sotto al Pilone

Proprio sotto al “Pilone” di capo Peloro, in una spiaggia molto bella che si affaccia sullo stretto è possibile fare il bagno. Qui la distanza tra Sicilia e Calabria è ridotta al minimo. Un posto assolutamente da visitare in bella stagione per un tuffo rigenerante.

I laghetti di Ganzirri

Visitare i laghetti di Ganzirri al tramonto, gustando riflessi rosa e rosso fuoco nelle increspature dell’acqua, che va poi collegandosi al mare e continuare l’appuntamento col gusto assaporando piatti a base delle cozze prodotte proprio in questi 2 laghetti, nei numerosi ristorantini presenti attorno al Lago Grande

Affacciarsi su Messina

Volete vedere un panorama mozzafiato della città del porto e dello stretto? Dovete dirigervi al Sacrario del Cristo Re da cui godrete di questa vista!

Un Pic-Nic sui Colli San Rizzo

Anche noti come monti Peloritani, catena collinare che fa da corona alla città dello stretto, fra profumi di macchia mediterranea, sentieri persi nei boschi, scorci vista mare mozzafiato, e gustose prelibatezze locali! Un’idea diversa di vivere la città durante la vostra permanenza.

Le specialità

Ci sono tantissime specialità da gustare nella provincia di Messina, in giro per la città nelle varie stagioni dell’anno potrete trovare differenti specialità sia dolci che salate, di seguito alcune delle specialità da non perdere se passate da Messina.

La Pignolata

Partiamo con il dolce! La pignolata, conosciuta anche come pignolata glassata, è un dolce tipico messinese. è una specialità ed è inclusa nella lista siciliana dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali con la denominazione di pignolata di Messina. Assolutamente da provare o da portare con voi se tornate da un viaggio tra gennaio e febbraio.

Le braciolette

Si tratta di fette sottili di carne (principalmente noce o lacerto di vitello ma anche maiale, pollo o pesce) coperte di pangrattato, ripiene di mollica condita con olio e aglio, e poi provola siciliana, parmigiano, prezzemolo. A questo punto le fettine sono arrotolate, infilate in spiedini e cotte alla brace (da qui il nome), in modo da renderle croccanti all’esterno e succulente dentro. Ogni spiedino può contenere numerose “braciolette”: un piatto di festa e di strada che racchiude in un sol boccone gusto e morbidezza.

Video riassunto

Video di Sicily.co.uk

Messina e dintorni

Scopri tutti i luoghi e le bellezze che la provincia di Messina offre

error: