Il portale dedicato agli amanti della Sicilia!

Ultime guide

info@viaggioinsicilia.it
Image Alt

Ragusa

  /  Ragusa

Benvenuti a Ragusa

Ragusa è composta da due città: Ragusa superiore e Ragusa Ibla collocate su due colline vicine, divise da profonde gole e collegate tra loro da innumerevoli scalinate e ponti.

Vista su Ragusa

Ragusa Ibla è l’antico centro storico della città.
Famosa per le sue innumerevoli chiese, giardini e palazzi con le sue casupole e stradine sulle quali regna il maestoso Duomo di San Giorgio, massima espressione del barocco ibleo. Posto stupendo, dove sembra che il tempo si sia fermato. Fate come noi, perdetevi per le sue viette approfittando dell’ottimo cibo!

Nel 2002 la città è stata inserita fra i siti barocchi Patrimonio UNESCO

Da non perdere

Marina di Modica

Luogo ideale per godersi lo splendido mare e la sua costa sabbiosa.
Adatta a tutti dalle famiglie con bambini, ai giovani fino agli appassionati di windsurf e kitesurf.
La movida notturna la rende perfetta anche per chi ama divertirsi dopo il calar del sole.

Scicli

Scicli sorge infatti nella valle che dai Monti Iblei si estende fino al mare.
Una città elegante e armoniosa con un incrocio di piccole viuzze, circondata da costoni di colline rocciose. Ricca di maestose chiese barocche e palazzi nobiliari tra cui il Palazzo Beneventano con i suoi portali intagliati, cornici e fregi.
Due chiese da visitare assolutamente sono la monumentale Chiesa di San Bartolomeo, la regina di Scicli che si trova nella cosiddetta “cava” di San Bartolomeo, e la Chiesa di San Matteo che sorge nel punto più alto della città. La fatica per arrivare alla chiesa viene ripagata da una fantastica vista su tutta la città e la valle.

Modica

Modica, con i suoi antichi edifici e casette, è arroccata sulle pareti dei Monti Iblei: guardandosi intorno si ha l’impressione di trovarsi all’interno di un presepe a grandezza naturale.
Modica è la città natale di Salvatore Quasimodo, premio Nobel per la letteratura, e la casa dove ha trascorso una parte della sua vita è rimasta come l’ha lasciata, con i suoi ricordi e le sue foto.
Passeggiando per le strette vie, dovete assolutamente fare tappa presso l’Antica Dolceria Bonajuto, famosa nel mondo per le sue numerose varianti di cioccolato (vi consigliamo di provare quello salato).

In foto una vista su Modica

Ragusa vista dall'alto

Immagini di Ragusa

Suggerimenti da un Palermitano

Pronti per i consigli su Ragusa? Marco ci da qualche suggerimento sulle cose più belle da vedere e da provare.

Punta Secca
Il faro è il cuore di questo borgo, insieme al porticciolo che sorge proprio davanti.
La spiaggia di punta secca color oro è affascinante e i suoi tramonti impagabili. Spiaggia consigliata per chi ha bimbi piccoli.
In più basterà uno sguardo, agli appassionati di Montalbano, per riconoscere la spiaggia dell’immaginaria Vigata, la stessa su cui danno le finestre della casa del commissario.

Visitare le chiese dei due patroni
Non tutti lo sanno, ma Ragusa è famosa per avere due santi patroni della città, San Giorgio per la parte di Ragusa Ibla e San Giovanni Battista per Ragusa Superiore. Sia la Cattedrale di San Giovanni che il duomo di San Giorgio ospitano dei musei – in particolare quello di San Giorgio, aperto tutto l’anno contiene al suo interno i reperti del catastrofico terremoto che colpì il Val di Noto

Fare la scalinata di Ibla
Per raggiungere la zona di Ibla, esiste un percorso pedonale che prevede una scalinata, vi consigliamo vivamente (se siete in forma) di fare questo itinerario.

Si parte dalla chiesa Santa Maria delle Scale (visitabile), e si arriva fino a Piazza della Repubblica, passando tra vicoli e scale che rivelano viste mozzafiato. Se siete a caccia di foto per Instagram, il momento giusto è il tramonto!

Trovare e visitare la grotta delle Trabacche
Abbiamo scritto “trovare” nel titolo perchè può essere veramente difficile arrivare in questa grotta. Si presenta intatta rispetto alle origini e include un ipogeo con due grandi stanze e due grandi sarcofagi a baldacchino insieme a numerose altre tombe. Il sentiero per raggiungerla è abbastanza pericoloso quindi consigliamo solo ai temerari questo itinerario – consigliamo anche di munirsi una torcia come questa perche alcune parti della grotta sono poco illuminate.

Visitare il Castello di Donnafugata

A circa 15 km da Ragusa, il castello di Donnafugata è un museo che ospita al suo interno sale di bellezza rara e suppellettili d’epoca quali la pinacoteca e il salone degli specchi, una stanza con grandi specchi che rivestono quasi tutte le pareti, con pregevoli tendaggi e un antico pianoforte a coda. Il castello per le sue caratteristiche nel tempo è stato scelto per girare numerose scene di film e pubblicità.

Le specialità

La provincia di Ragusa è una delle parti più antiche della Sicilia, tutta da esplorare e soprattutto da gustare viste le innumerevoli prelibatezze che ha da offrire.

Scaccia ragusana
La scaccia o scacciata è una vera specialità ragusana. È una ricetta veramente  antica, di origine contadina, semplice e buonissima. È del tutto simile ad una focaccia ripiena ma la sua pasta è diversa, al suo interno differenti ingredienti in base alle zone e ai gusti! Le più famose sono sicuramente: pomodoro e cipolla, ricotta e salciccia e pomodoro e melanzane fritte.

Pastieri

pastieri sono dei “rustici” o “tavola calda” locale. Sono piccoli coni ripieni di carne o cotti al forno. Nascevano in antichità da famiglie povere che li preparavano nel periodo pasquale. Originariamente preparati con carne d’agnello, oggi in realtà si trovano con ripieni diversi – durante tutto l’anno.

Sua maestà il Cioccolato di Modica
Il cioccolato di Modica conserva ancora la sua preparazione tradizionale mai industrializzata. La genuinità del processo ha fatto si che vincesse numerosi premi interanazionali.  Si pensa che la lavorazione attuale sia ancora la medesima tramandata dagli Atzechi e agli spagnoli. A modica, la cioccolateria più famosa è sicuramente Bonajuto. Se possiamo darvi un consiglio, tra tutte le varietà provate il cioccolato salato.

Teste di Turco
Un dolce che ricorda le grandi battaglie tipico della zona di Scicli. Secondo la tradizione, dopo la tentata invasione i turchi respinti a Scicli ritornarono a casa e prepararono un dolce a forma di turbante ripieno di ricotta, il dolce dei vinti.

Video riassunto

Video di Sicily.co.uk

Ragusa e dintorni

Scopri tutti i luoghi e le bellezze della provincia di Ragusa

error: