Il portale dedicato agli amanti della Sicilia!

Ultime guide

info@viaggioinsicilia.it
Image Alt

Catania

La città ai piedi del vulcano
  /  Catania

Benvenuti a Catania

Catania è la seconda città metropolitana di Sicilia, ha fronteggiato nei secoli terremoti ed eruzioni vulcaniche, ha subito alternanze di dominazioni e trasformazioni urbanistiche. Eccola, all’inizio del terzo millennio, con la sua vitalità e la sua grinta operosa, pronta a stupirvi e farvi innamorare subissandovi di sapori intensi, stucchi barocchi patrimonio UNESCO e una miriade di dintorni indimenticabili.

Facciata del teatro Massimo Vincenzo Bellini in vista notturna

Catania è un’antica città portuale sulla costa orientale della Sicilia. È situata ai piedi dell’Etna, un vulcano attivo con sentieri che arrivano fino alla sua sommità.

Catania è anche la seconda città metropolitana della Sicilia, ha fronteggiato nei secoli terremoti ed eruzioni vulcaniche, ha subito alternanze di dominazioni e trasformazioni urbanistiche. Eccola, all’inizio del terzo millennio, con la sua vitalità e la sua grinta operosa, pronta a stupirvi e farvi innamorare subissandovi di sapori intensi, stucchi barocchi patrimonio UNESCO e una miriade di dintorni indimenticabili.

 Un aperitivo fuori dagli schemi

Da pochi anni, esiste un luogo veramente suggestivo che vi consigliamo per fare un aperitivo diverso dal solito. Stiamo parlando dell’ostello degli elefanti in via Etnea, tra piazza Università e piazza del duomo. Si tratta di un vero e proprio ostello che ospita  turisti provenienti da tutto il mondo, ma il suo vero asso nella manica sta proprio nel fatto che all’ultimo piano dispone di una splendida terrazza con vista sulla città (e ovviamente sull’Etna). Non potete andarci senza prenotazione, vi consigliamo quindi di prenotare anche in giornata segnalando nome e orario. Non appena arrivati sul posto dovrete citofonare per accedere al palazzo e salire fino al 2º piano, superare la reception e le varie sale dell’ostello per arrivare a delle rampe di scale che vi porteranno fino al rooftop (terrazza) sulla quale troverete un bar e numerosi tavoli per sedersi godendo dell’ottima vista sulla città. Posto meraviglioso e poco conosciuto consigliato a chi vuole vivere esperienze autentiche e fuori dai cliché.

Da non perdere

Sulla cima dell'Etna

Catania è la città alle porte dell’Etna, è normale quindi che se passate da qui non potete non approfittare anche di un salto su “a muntagna” come la chiamano i catanesi. In macchina si raggiunge facilmente, seguendo le indicazioni, attraversando diversi paesini etnei e ammirando il paesaggio che cambia sotto i nostri occhi diventando quasi lunare. Una volta arrivati al “Rifugio Sapienza” (punto più alto dove potete arrivare in auto) non vi resta che parcheggiare e decidere se proseguire ancora più in alto con la funivia e le escursioni o restare al rifugio e fare una passeggiata ai “Crateri Silvestri” due bocche ormai spente e godere del panorama su tutta la provincia. Abbiamo scritto una guida specifica che trovate qui

Tra le gole dell'Alcantara

La Gole dell’Alcantara, fiume che si insinua tra i solchi degli ammassi lavici, sono un vero spettacolo della natura. Si trovano all’estremità tra la provincia di Catania e di Messina. Stretti sentieri, fiancheggiati da pareti altissime, dalle forme più disparate, lungo i quali scorrono le fredde ma limpidissime acque del fiume formano uno dei percorsi più divertenti ed emozionanti che la natura possa offrire. L’acqua scorre gelida ma volendo è possibile affittare degli speciali pantaloni per non bagnarsi. Consiglio essenziale è munirsi di scarpette per camminare all’interno del fiume, queste sono ideali.

La Pescheria

Dietro il Duomo di Catania, nel tunnel delle mura di Carlo V, si snoda il mercato del pesce, un po’ all’aperto e un po’ coperto.  Un luogo in cui ogni giorno sotto i grandi tendoni rossi e i sui bianchi banchi di marmo, si ripete da tempi remoti il rituale della vendita del pesce, ma anche della carne e della frutta. Le grida dei venditori, i banchetti fumanti dei peperoni arrostiti e la trippa venduta ai passanti, fanno di questo luogo uno dei più emblematici della città, il posto ideale per immergersi nella cultura popolare catanese e restarne affascinati. Qui troverete diversi ristorantini che si riforniscono direttamente dalle bancarelle, proponendo ogni giorno un menù diverso in base al pescato (il mercato è allestito solo la mattina ed i ristoranti aperti per il pranzo).

La Pescheria di Catania

Immagini di Catania

5 cose da fare assolutamente!

Pronti per una carrellata di cose da non perdere a Catania?
Ecco una lista delle principali cose da fare a Catania, sia che siate di passaggio o che vi fermiate qualche giorno in città, estate o inverno, giorno o notte, Catania offre sempre qualcosa da fare! Ecco le 5 cose da fare assolutamente in città:

Due passi in via etnea

Vi consigliamo una passeggiata partendo dalla Villa Bellini e percorrendo la via Etnea, passando per Piazza Stesicoro e i suoi scavi, Piazza Università sino alla Cattedrale del Duomo. Una tappa obbligatoria è sicuramente la “Pasticceria Savia” in via Etnea, che in realtà non è solo una pasticceria ma un culto in città, qui mangerete probabilmente l’arancino più buono della vostra vita, tra i nostri preferiti, quelli al pistacchio e alla norma.

Una tappa al Chiosco

Antica e attuale attrazione della Catania…da bere, “u cioscu” è un punto di ristoro e di incontro di giorno e di notte, per tutte le età, simbolo della vita quotidiana di questa città. Uno dei più famosi che vi consigliamo di vistare è il chiosco Giammona in piazza Umberto. La loro storia risale a fine 800, quando a Catania ai venditori ambulanti si offriva da bere “acqua e zammù”, cioè acqua con qualche goccia di anice, per rinfrescare e dissetare durante il gran caldo. Ingredienti e strumenti sono gli stessi, da sempre: zucchero, frutta, miscelatori, bicchierini, misurini e presse per spremere gli agrumi. Spesso sono gli stessi “cioscari” catanesi che producono gli sciroppi agli agrumi siciliani per confezionare bibite al mandarino, al tamarindo, la famosa orzata, o il celebre “sciampagnino” (cedrata con acqua e seltz), e il “completo” (orzata, succo fresco di limone, anice e selz).  Tradizionale è la bibita fatta con la spremuta di limoni, aggiunta di seltz ed una cucchiaiata abbondante di sale: l’effetto è altamente dissetante e digestivo.

A cena sulle sponde di un fiume sotterraneo

Non tutti sanno che a Catania scorre un fiume sotterraneo, si chiama Amenano e passa anche all’interno di un locale. Per vederlo dovete recavi all’Agorà – anche detto Ostello, scendendo al piano di sotto,  dalla cantina sotterranea si apre una porta che conduce ad una grotta lavica naturale attraversata dalle acque del fiume.

Una terrazza sulla Catania barocca

La Chiesa Badia di Sant’Agata è situata proprio di fianco al Duomo è una delle chiese più belle del tardo-barocco catanese. Ma se volete ammirare Catania da un punto di vista insolito dovete salire sulla sua cupola. Una volta in cima sarete catturati da una panorama mozzafiato tra cielo, mare e terra.
Da una parte l’Etna e dall’altra il mare.

Spettacolo pirotecnico della festa di Sant’Agata

Durante le celebrazioni per la santa patrona della città di Catania, che si svolge nella prima settimana di febbraio (dal 3 al 5) c’è uno spettacolo pirotecnico di apertura tra i più importanti d’italia. Qui potete vedere con i vostri occhi di cosa stiamo parlando!

Vista di Catania con l’Etna alle spalle

Le specialità

Ci sono tantissime specialità da gustare nella provincia di Catania, servirebbero intere pagine per poter descrivere tutto quello che è possibile trovare in giro per la città nelle varie stagioni dell’anno. Di seguito vi riportiamo le cose che non potete assolutamente non provare se passate da Catania.

La tavola calda Catanese

Un’altra specialità golosissima della tradizione catanese è la “Tavola calda”. Arancino (qui si dice con la “O”), cartocciata, cipollina, bolognese e bomba. Un gudurioso street food che con il suo profumo intenso invade tutte le strade della città. Tra tutti i “pezzi” di tavola calda vi consigliamo di assaggiare le cipolline. Fagottini di pasta sfoglia ripieni di prosciutto cotto, fiordilatte e tantissime cipolle bianche stufate in padella con salsa di pomodoro e olio EVO. Vi innamorerete al primo morso!

La carne di Cavallo

Uno dei piatti tipici da assaggiate assolutamente a Catania è la carne di cavallo alla brace. Servita come polpetta, a fettina o all’interno di un panino da portare a casa, il posto migliore dove mangiarla è nella verace via Plebiscito dove verrete investiti da una densa e profumatissima coltre di fumo al sapore di carne. Dovete solo scegliere una tra le tante trattorie e gustare la regina indiscussa della gastronomia di strada catanese.

Olivette di Sant’Agata

In prossimità della festa di Sant’Agata, se vi trovate a Catania, potrete imbattervi in questo tipico dolce. Ma di cosa si tratta esattamente? di dolci a forma di oliva fatti di pasta di mandorla ricoperti di zucchero e colorati di verde. Queste “olive” si ricollegano ad un episodio narrato nella agiografia della santa. Mentre era ricercata dai soldati di Quinziano, nel chinarsi per allacciare un calzare, vide sorgere davanti a sé una pianta di olivo selvatico che la nascose alla vista delle guardie e le diede i frutti per sfamarsi. Assolutamente da provare o da portare con voi se tornate da un viaggio a Catania tra gennaio e febbraio.

La Granita

Una delle cose che non potete assolutamente perdervi nella provincia di catania (e non solo) è la granita. Si tratta di un composto liquido semi-congelato preparato con acqua, zucchero e un succo di frutta o altro ingrediente (oltre alla frutta sono più diffusi mandorla, pistacchio, caffè o cacao). Quando mangiate una granita dalle parti di Catania, la sensazione è quella di mangiare un gelato, proprio perchè in questa parte della sicilia, le granite sono più dense rispetto alla provincia di Messina o Siracusa.

Video Riassunto

Video di Sicily.co.uk

Catania e dintorni

Scopri tutti i luoghi e le bellezze che la provincia di Catania offre

 

error: